IPCC, decrescita e spiritualità

Un articolo di Jennifer Ellen Good, pubblicato su The Conversation e tradotto dal Gruppo Internazionale

 

Le storie sulla decrescita economica aiutano a combattere il cambiamento climatico – e producono una serie di altri benefici

C’è qualcosa di inedito e importante nel recente Sesto Rapporto di Valutazione dell’IPCC: la decrescita. Due dei gruppi di lavoro dell’IPCC – quelli focalizzati sugli impatti del cambiamento climatico e sulla mitigazione – usano il termine economico per discutere le politiche che sono fondamentali per ridurre gli impatti del cambiamento climatico.

Questa è una profonda inclusione. Indicando la decrescita, qualcosa a cui Timothée Parrique, uno scienziato sociale ed economista, si riferisce “come un’opportunità per ricentrare le nostre economie su ciò che conta davvero”, gli autori dei rapporti sfidano la storia ampiamente accettata che la crescita economica senza fine – un aumento della quantità di beni e servizi – è essenziale per ridurre la povertà e migliorare la qualità della vita in tutto il mondo.

La decrescita offre al mondo una nuova storia, una che riconosce il ruolo che la crescita economica ha avuto nel cambiamento climatico e identifica le alternative.

Le storie sono fondamentali per capire chi siamo e il mondo in cui viviamo, e dovremmo pensare all’economia come a una storia. Come il professore inglese e scrittore indigeno Thomas King offre succintamente, “La verità sulle storie è che è tutto ciò che siamo“.

Non solo i rapporti dell’IPCC offrono speranza per mitigare il cambiamento climatico, ma anche per capire e celebrare la Terra.

Alternative alla crescita economica

In un’analisi del rapporto del gruppo di lavoro II dell’IPCC, “Impatti, adattamento e vulnerabilità“, rilasciato nel febbraio 2022, Parrique nota la menzione della decrescita 15 volte. Egli sottolinea anche l’enfasi del rapporto su altri modi di vivere che non sono basati sulla crescita economica, tra cui buen vivir in South America, eco-swaraj in India e Ubuntu in South Africa. Ognuno di questi è un esempio di modi in cui le persone vivono in modo più interconnesso tra loro e con la Terra.

Il rapporto dell’IPCC Working Group III, “Mitigation of Climate Change“, rilasciato all’inizio di aprile 2022, si riferisce alla decrescita cinque volte e dichiara che “la prosperità e la ‘Buona Vita’ non sono immutabilmente legate alla crescita economica”.

Questi rapporti evidenziano l’urgente realtà del cambiamento climatico: È un fenomeno globale devastante, guidato dai combustibili fossili, antropogenico e un moltiplicatore di disuguaglianze – quelli che hanno meno sono colpiti più gravemente.

Ma i rapporti dell’IPCC evidenziano anche che se vogliamo affrontare il cambiamento climatico, dobbiamo sfidare la storia del business-as-usual della crescita economica senza fine. La decrescita economica e gli esempi di comunità alternative danno il benvenuto alla possibilità di un diverso tipo di storia – una storia sulla Terra finita come qualcosa di diverso da un insieme di risorse. Una storia che permette una re-immaginazione di chi siamo e del nostro rapporto con la Terra.

Un futuro di interconnessione

C’è stato un tempo – non molto tempo fa – in cui tutti i nostri antenati capivano, e raccontavano storie sui modi in cui gli esseri umani sono interconnessi con la Terra. Vivevano questa interconnessione. Come sottolinea Robin Wall Kimmerer nel suo libro Braiding Sweetgrass: Indigenous Wisdom, Scientific Knowledge and the Teachings of Plants, “Ognuno di noi proviene da persone che un tempo erano indigene”.

Ma le storie degli esseri umani come interconnessi con la Terra sono antitetiche e minacciose per coloro i cui affari e industrie dipendono dalla Terra come una raccolta di risorse naturali e una discarica di rifiuti. Dal razzismo anti-indigeno alla demonizzazione di Rachel Carson dopo la pubblicazione del suo libro Primavera silenziosa, c’è una lunga storia di soppressione violenta di coloro che condividono e celebrano la nostra interconnessione con la Terra.

Questa soppressione ha fatto apparire la storia della Terra come risorsa – un preludio necessario alla crescita economica senza fine – più appetibile, logica e inevitabile. Ma è una storia con una premessa illogica: che la crescita infinita possa avvenire su un pianeta finito. In Prosperità senza crescita: Economics for a Finite Planet, l’economista Tim Jackson scrive: “coloro che sperano che la crescita [economica] porti a un’utopia materialista sono destinati alla delusione. Semplicemente non abbiamo la capacità ecologica di realizzare questo sogno”.

Aggiunge che con la continua ricerca della crescita economica, entro la fine del secolo “ci troveremo di fronte a un clima ostile, risorse esaurite, distruzione di habitat, decimazione di specie, scarsità di cibo, migrazioni di massa e quasi inevitabilmente la guerra”.

Ma l’inclusione senza precedenti della decrescita da parte dell’IPCC nei suoi recenti rapporti offre una nuova via da seguire. Forse riconoscere i limiti ecologici ci porterà alla realizzazione di diversi tipi di sogni e alla celebrazione di un ritorno alle storie sugli esseri umani come interconnessi con la Terra.

Esperienze spirituali

Alcuni ricercatori, me compreso, hanno intervistato le persone sulle loro esperienze spirituali nella natura. Queste sono esperienze e storie che includono la meraviglia, lo stupore, il sublime, il mistero e la connessione con qualcosa di più grande di noi stessi, ma non sono attribuite a una specifica religione o fede. Le mie scoperte fanno eco a quelle dei ricercatori di psicologia Tristan Snell e Janette Simmonds che scrivono: “Gli ambienti naturali e le caratteristiche all’interno di questi ambienti possono agire come fattori scatenanti di esperienze mistiche [o spirituali]“.

Tali risultati possono aiutare a spiegare un rapporto del 2017 del Pew Research Center che ha scoperto che le persone che si identificano come “spirituali ma non religiose” sono aumentate al 27 per cento dal 19 per cento tra il 2012 e il 2017. Come propongono i sociologi Todd Ferguson e Jeffrey Tamburello, “Quando una persona cammina in una foresta per connettersi con il sacro, potrebbe non sentire il bisogno di affiliarsi a un’organizzazione religiosa perché le sue esigenze spirituali sono soddisfatte“.

Vedere la Terra come un insieme di ingredienti da consumare è antitetico al vedere la Terra come interconnessa e spirituale. Molti popoli indigeni, studiosi impegnati come Rachel Carson, ambientalisti, eco-spiritualisti, visitatori di foreste, laghi e montagne, tra gli altri, hanno condiviso le loro storie interconnesse e spirituali – a volte contro grande resistenza. Ora il cambiamento climatico e l’IPCC stanno aiutando questa condivisione sfidando il dogma della crescita economica infinita.

L’opportunità del cambiamento climatico

In The Age of Missing Information, Bill McKibben scrive: “La maggior parte delle culture, storicamente, ha messo qualcos’altro – Dio o la natura o qualche combinazione – al centro. Ma noi li abbiamo messi alla periferia. Una società consumistica non ha bisogno di loro per funzionare, e non può tollerare i limiti che potrebbero imporre; c’è bisogno solo delle persone”.

Dalle inondazioni agli incendi alle estinzioni di specie, la Terra ci sta facendo sapere che ci sono dei limiti. E il cambiamento climatico ci sta ricordando, con grande forza, che siamo interconnessi con questa terra finita. Come scrisse il naturalista John Muir in My First Summer in the Sierra, pubblicato nel 1911, “Quando cerchiamo di individuare qualcosa da sola, la troviamo legata a tutto il resto dell’universo“.

Il cambiamento climatico è sia una realtà devastante che una profonda opportunità. Noi siamo la Terra e abbracciare questa storia fornisce nuovi percorsi disperatamente necessari per il futuro e opportunità spirituali per sperimentare lo stupore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.