Articoli Recensioni

Capitalismo verde: perché non può funzionare

Di Paolo Cacciari; 16 luglio 2021 Jason Hickel e Giorgos Kallis, un antropologo e un economista, si sono interrogati se sia davvero possibile realizzare una “crescita  verde” (J.Hickel, G.Kallis, is Green Growth Possible?, New Political Economy, 17 aprile 2019). Un quesito che osa mettere in dubbio la narrazione oggi dominante (dopo la ingloriosa scomparsa dalla

Articoli Recensioni

Due libri di due fisici

di Paolo Cacciari, 22 giugno 2021
Due fisici (il primo senior professor presso la facoltà di ingegneria del Politecnico di Torino, il secondo ha insegnato Fisica Tecnica Ambientale al Politecnico di Milano) si rivolgono, uno, ai decisori politici, l’altro agli insegnati, ma potrebbero invertirsi i compiti e gli argomenti non cambierebbero di molto. Come dire: il problema va affrontato sia dal basso che dall’alto, alla base della formazione culturale e scientifica delle persone, come ai vertici del potere. La sfida sarà vinta, probabilmente, quando avremo un ecologo al ministero dell’ecologia e l’ecologia in cattedra nelle scuole. Il tema è il rapporto tra attività antropiche e mondo fisico, a partire dai cambiamenti climatici, ma non solo.

Articoli

Una risposta al ministro Cingolani… da quei ‘folli’ della decrescita

di Paolo Cacciari
Partito bene e finito malissimo: “Non possiamo permettere un ulteriore degrado delle condizioni del clima, delle acque, del suolo. Le crisi sanitarie globali e gli eventi climatici estremi diventano sempre più frequenti”. Per poi concludere: “Credo che nessuno sia così folle da pensare che la risposta sia la decrescita. Non si può chiedere alle persone di perdere il lavoro perché tutto deve essere verde. La sostenibilità è sempre un compromesso, non può essere un valore assoluto. Dunque deve mediare tra istanze diverse”.

Recensioni

Jason Hickel — ‘meno è meglio’: come la decrescita salverà il mondo

di Paolo Cacciari
Il titolo originale del libro è netto: Less Is More: How Degrowth Will Save The World. Non si sa perché l’editore italiano abbia deciso di distorcerlo ed edulcorarlo, censurando la parolina urticante “decrescita” e riducendo la questione della salvezza del pianeta ad una faccenda economica. La tesi dell’autore, invece, è tanto complessa quanto radicale. La decrescita è un’idea di cui non si può fare a meno, perché ci fa uscire dal “culto della crescita” e “ci scuote dallo stordimento”.

Recensioni

La grammatica del buon vivere

«Cos’altro deve accadere?» si ripetono gli amici di Solidarius, per uscire dal buco nero della crisi di civiltà in cui sta precipitando lo spirito del nostro tempo? Per rispondere a questa domanda e dare conto di un lavoro collettivo, svolto per più di un anno, si aggiunge un nuovo e recente volume dal titolo Utopia

Eventi Iniziative

LAUDATO SI’ Seminario sull’enciclica di papa Bergoglio e sulle sue intersezioni con le analisi e le proposte emerse nell’incontro nazionale dell’Economia solidale (INES 2015)

24 ottobre 2015

  Laudato Si’ Seminario sull‛enciclica di papa Bergoglio Centro Balducci, sabato 24 ottobre, ore 10.00 Seminario sull’enciclica di papa Bergoglio e sulle sue intersezioni con le analisi e le proposte emerse nell‛incontro nazionale dell‛economia solidale (INES 2015). A cura del Centro Ernesto Balducci, dell’Associazione per la Decrescita, del Forum per i Beni Comuni e l‛Economia

Articoli

Marxismo e decrescita. Un confronto tra Giovanni Mazzetti e Paolo Cacciari

Giovanni Mazzetti, in occasione di un incontro pubblico a Roma con Maurizio Pallante, ha pubblicato un opuscolo, Critica della decrescita, Quaderno n. 1, Progetto Altro Formazione [in seguito pubblicato con lo stesso titolo per le Edizioni Punto Rosso, Milano, 2014], ed ha allegato il Capitolo n. 13 del suo libro: Quel pane da spartire (Bollati Boringhieri,